mercoledì 6 febbraio 2013

Persepolis

"Scrivere Persepolis è stato molto importante per me. Credo che non si possa giudicare una nazione intera per gli errori di pochi estremisti. E non voglio che vengano dimenticati tutti quegli iraniani che hanno perso la vita in prigione per difendere la libertà, color che sono morti nella guerra contro l'Iraq, che hanno subito la repressione dei diversi regni, che sono stati costretti a lasciare le loro famiglie e fuggire dal loro Paese. Si può perdonare ma non si deve dimenticare."  Così scrive Marjane Satrapi. Persepolis è una pietra miliare della mia formazione fumettistica ma non solo. Persepolis mi ha forgiata. Ho letto per la prima volta quest'opera quando stavo lasciando il liceo per qualcosa di meglio: la Scuola del fumetto. Persepolis ha contribuito nella mia scelta di perseguire il mio sogno proibito di lavorare nel mondo del fumetto e dell'illustrazione. A prescindere dalle mie ambizioni, devo comunque tantissimo altro a Marjane. Mi sento di chiamarla per nome, anche se lei non ha minimamente idea della mia esistenza, perchè la trovo un'anima affine.



Autore: Marjane Satrapi

Casa Editrice: Rizzoli Lizard

Formato: Brossurato, 360 pagine b/n

Prezzo: € 24,00



Dunque, Marjane nel 1994 emigra definitivamente in Francia e si trasferisce a Parigi. Qui conosce il disegnatore David B., che la introduce al mondo delle bandes dessinées e le suggerisce di raccontare le sue vicende iraniane sottoforma di fumetto. Il risultato è Persepolis, che riscuote immediatamente un enorme successo sia in Francia sia nel resto d'Europa, per poi sbarcare oltreoceano.
Persepolis racconta la vita dell'autrice, dall'infanzia trascorsa in Iran fino al raggiungimento dell'età adulta. Il fumetto mette in luce l'Iran, l'evoluzione e i mutamenti che tale Paese ha subìto in seguito alla Rivoluzione Islamica, visti attraverso gli occhi prima di una bambina e poi di una donna adulta. Persepolis però racconta anche dell'Europa, del mondo occidentale osservato da un'adolescente costretta ad allontanarsi dalla propria famiglia, dal proprio Paese e da una dittatura opprimente, soprattutto verso le donne. L'autrice offre sempre spunti intelligenti e apre un portale tra più culture,avvicinandole tra loro. Con Persepolis offre un punto di vista differente rispetto a quello dei libri di storia o delle cronache occidentali, a proposito del periodo della rivoluzione o di quello immediatamente successivo al conflitto Iran-Iraq; un punto di vista interno al Paese come mai se ne erano visti. L'autrice, Marjane Satrapi, non è una fumettista di professione, bensì un'illustratrice di libri per bambini e per questo i suoi disegni sono privi di prospettiva, tuttavia non vanno snobbati poichè nel loro minimalismo risultano estremamente espressivi. Estremamente.

Allego questa intervista, fantastica. Cliccare per credere >> Marjane, la mela e la Storia

A Marjane devo in parte il mio riscatto. Ho cominciato a prendere coscienza di me e a potenziare le mie capacità anche per merito del suo esempio. E semmai l'anno prossimo si troverà ad Angoulême coronerò il mio sogno di conoscerla di persona. La cosa più utile che mi è rimasta del linguistico è proprio una sufficiente padronanza della lingua francese.
Posta un commento